Caselli d'oro per le autostrade italiane:
i titoli in borsa che direzione stanno prendendo?



MONDO TRADING

Atlantia in trading range, Auto To-Mi e Sias consolidano dopo la lunga corsa. Autostrade Meridionali sui massimi

Il solito aumento di inizio anno delle tariffe ai caselli autostradali ha riportato l’attenzione sul comparto dei titoli delle autostrade quotati a Piazza Affari. Che tuttavia si stanno muovendo con trend abbastanza diversi tra di loro. Vediamoli in dettaglio.
Con una capitalizzazione di mercato di circa 22 miliardi di euro, Atlantia è la big del comparto. Sul lato dei fondamentali passa di mano a circa 19 volte gli utili attesi e 2,45 volte i mezzi propri: distribuisce agli azionisti circa il 70% del proprio utile e il rendimento del dividendo è sopra quota 4 per cento. Tuttavia sul lato tecnico il titolo “batte in testa”. Dopo aver rotto in estate la resistenza di 26,0/2 euro, il titolo ha però intrapreso una lunga fase di trading range tra la ex resistenza (ora supporto) e la soglia dei 28 euro circa. A inizio anno ha testato nuovamente il supporto ma il rimbalzo si è per ora fermato sulla resistenza dinamica disegnata a partire dai massimi di 28,5 euro. Al suo superamento i primi target diventano quindi nuovamente a 28 e il top di 28.5 euro, poi eventualmente la soglia dei 30 euro. Al ribasso il supporto di 26 dovrebbe fare argine in caso di flessioni di breve, il sostegno successivo è in area 25,20 euro.
Quasi 4 miliardi di capitalizzazione invece per Sias, controllata del gruppo Gavio, che presenta comunque un multiplo sugli utili 2017 attesi in linea con Atlantia: circa 19x, anche se con un dividend yield decisamente inferiore (poco più del 2%). Anche lo scenario tecnico è molto differente però. Il titolo viene da una lunga cavalcata che ha portato i corsi dai 10 euro della scorsa estate agli attuali 16: da inizio anno l’azione sta consolidando il rialzo oscillando tra 16 e 17 euro: la rottura della resistenza di 17 sarebbe quindi un nuovo segnale di rialzo con target successivi a 18 e poi 19 e 20 euro. Attenzione però alla violazione dell’area di 15,80 dove passa il supporto dinamico che regge l’ascesa in atto da luglio: alla sua violazione rischio d’inversione di breve-medio termine e primi sostegni a 14,70 e 13,70 euro.
Anche Autostrada Torino-Milano, seconda società del gruppo Gavio, ha avviato a luglio 2017 la forte fase rialzista che ha portato i corsi da 15 a 25 euro, ma ha iniziato prima, già a dicembre, la fase di consolidamento, tra 23,5 e 25,5 euro circa. Anche in questo caso sono da monitorare i due bordi del range: con la rottura di 25,50/60 obiettivi a 27 e poi 28,5 euro circa, mentre con la violazione di 24-23,50 euro primo target è la soglia dei 22 euro.
Infine la più piccola di questa pattuglia di titoli, Autostrade Meridionali, 135 milioni di market cap. Controllata di Atlantia, la società gestisce il tratto da Napoli a Salerno: non ci sono previsioni sugli utili 2017, quindi il p/e è sul 2016 e vale meno di 9 volte, con un rendimento del dividendo che sfiora il 2 per cento. Dopo essere rimasta per lungo tempo in area 16 euro, da inizio 2017 l’azione ha imboccato con decisione la via del rialzo è ha superato di recente la soglia dei 30 euro, spingendosi fino a quota 32. Possibile ora una fase laterale intorno ai 30 euro (con possibili discese fino a 28), mentre il supporto che regge l’ascesa passa ora in area 26,6 euro.


BinckBank NV presta in Italia il servizio di execution only ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni eventualmente fornite non contengono e non si deve in alcun modo ritenere che contengano raccomandazioni o consigli in ambito d investimenti forniti da BinckBank N.V. Le informazioni fornite non devono essere intese quali raccomandazioni personalizzate a un cliente, riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario in quanto diffuse tra il pubblico mediante canali di distribuzioni di massa. BinckBank non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze ed obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non è stata condotta in base ai requisiti normativi previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una mera comunicazione in ambito di marketing. Le informazioni basate su dati storici passati non costituiscono un indicatore affidabile di eventuali possibili risultati futuri. Si raccomanda di prendere visione dei rischi connessi agli investimenti e dei rischi specifici degli strumenti finanziari di cui alla documentazione informativa messa a disposizione sul sito di BinckBank N.V. Le perdite possono essere superiori al capitale investito.

articoli più letti

Autostrade
Caselli d'oro per le autostrade italiane: i titoli in borsa che direzione stanno prendendo?

  23 GENNAIO 2018


Film sul trading
Film sul trading: la finanza raccontata al cinema

29 novembre 2017



Non sei ancora Cliente?
800 90 58 45
Sei già Cliente?
02 36016161