PERCHÉ INVESTIRE NEGLI “HARD ASSET”?


La crescita economica e l'opportunità dei beni tangibili

25 luglio 2018


MONDO TRADING

La crescita economica globale può fornire persistenti spinte positive agli “hard asset”

Sebbene i titoli azionari legati alle materie prime e alle risorse naturali – spesso chiamati collettivamente “beni tangibili”, o “hard asset” – siano valutati in modo piuttosto diverso gli uni dagli altri a livello di fondamentali, svolgono tutti un ruolo importante alla base delle economie industriali e apportano analoghi benefici nei portafogli d’investimento. Gli hard asset sono in genere raggruppati in cinque categorie: energia (petrolio e gas), agricoltura (cereali, bestiame, zucchero ecc.), metalli di base (rame e alluminio), metalli preziosi (oro, argento e platino) e prodotti della silvicoltura (carta e legname). I titoli azionari delle materie prime e delle risorse naturali, in quanto rappresentativi dei materiali di base che vengono utilizzati nella produzione di altri beni e servizi, offrono agli investitori accesso alla crescita globale, protezione contro l’inflazione e diversificazione di portafoglio.

Dato che le determinanti della loro performance sono per lo più diverse da quelle delle azioni statunitensi, gli hard asset possono reagire diversamente alle evoluzioni delle condizioni di mercato, e ciò contribuisce ai benefici di diversificazione che offrono. Nei periodi di bassa inflazione e debole crescita globale, gli hard asset hanno tendenzialmente sottoperformato rispetto alle azioni e alle obbligazioni statunitensi. Per contro, gli hard asset tendono a sovraperformare rispetto alle azioni e alle obbligazioni quando l’economia globale si surriscalda e registra tassi di crescita e inflazione medio-alti. Inoltre, gli hard asset hanno la tendenza a sovraperformare rispetto alle azioni statunitensi anche in contesti di rialzo dei tassi d’interesse.

Salvatore Catalano VanEck

Crescita economica mondiale: l’opportunità degli hard asset

La Banca Mondiale ha di recente annunciato previsioni di solida crescita mondiale per il 2018, al 3,1%1, indicando un quadro favorevole agli hard asset caratterizzato da un’accelerazione dell’espansione globale. Sebbene i recenti timori di una guerra commerciale abbiano temporaneamente rallentato l’aumento dei prezzi delle materie prime, la fase di crescente espansione economica ha già alimentato massimi storici di breve termine nel consumo di materie prime come il petrolio, il rame e lo zinco. Inoltre, dopo quasi un decennio in cui è prevalso un contesto di tassi d’interesse ai minimi, le banche centrali di tutto il mondo – tra cui la Federal Reserve statunitense, la Banca del Messico e la Banca d'Inghilterra – stanno intervenendo per contenere il surriscaldamento dei mercati alzando i tassi d’interesse di riferimento, introducendo un altro potenziale fattore positivo per gli hard asset.

Con il surriscaldamento dell’economia globale, l’aumento dell’inflazione può diventare una preoccupazione per gli investitori, e questo è un altro ambito in cui gli hard asset possono dimostrarsi utili. Gli investitori che aggiungono hard asset ai propri portafogli possono beneficiare di un certo grado di attenuazione del rischio tramite la diversificazione di portafoglio, nonché di un effetto di protezione contro l’inflazione.

Offerta limitata: un supporto ai prezzi degli hard asset

Mentre la crescita mondiale è in espansione, i settori dell’energia e dell’estrazione mineraria stanno attraversando una fase di trasformazione. Dopo anni di enormi spese per investimenti dedicate all’esplorazione, alla scoperta e allo sviluppo di nuove risorse, le società dell’energia e dell’estrazione mineraria in tutto il mondo hanno spostato l’attenzione sulla riduzione dei costi, sulla generazione di flussi di cassa liberi e sulla remunerazione degli azionisti. Di conseguenza, l’offerta si è ridotta in alcune categorie di hard asset, spingendo al rialzo i prezzi. Data la minore spesa per investimenti, potrebbe essere difficile sostenere l’offerta futura senza nuove scoperte, soprattutto nel contesto della diminuzione dei depositi ad alto tenore di minerale e delle riserve petrolifere. Nel lungo termine, questo potrebbe avere un sostanziale effetto positivo sui prezzi delle materie prime.

hard asset

Materie prime e veicoli elettrici

Sebbene possa sembrare logico presumere che la crescente diffusione di veicoli elettrici potrebbe, nel lungo termine, avere un effetto negativo su materie prime come il petrolio, si tratta di un punto di vista che ignora altri importati hard asset essenziali per la costruzione di auto elettriche. Ad esempio, il trend emergente dei veicoli elettrici ha già spinto il prezzo del nichel, un importante metallo industriale, ai livelli più elevati da quasi quattro anni2. Inoltre, anche se non avrà nulla in comune con la rete esistente per i veicoli alimentati a benzina, le auto elettriche richiederanno comunque un’analoga vasta infrastruttura energetica negli anni a venire.

Conclusioni

La crescita globale sincronizzata, i tassi d’interesse in rialzo e la contrazione dell’offerta di materie prime e risorse naturali potrebbero fornire persistenti spinte positive agli hard asset. Aggiungendo quest’importante asset class ai propri portafogli, gli investitori possono beneficiare della crescita globale mitigando al tempo stesso alcuni degli effetti dell'inflazione.

ETF Borsa Italiana Ticker ISIN
VanEck Vectors™ Natural Resources UCITS ETF HAP IE00BDFBTK17
VanEck Vectors™ Global Mining UCITS ETF GDIG IE00BDFBTQ78
VanEck: Patrimonio gestito per asset class

VanEck Patrimonio gestito per asset class
Fonte: VanEck. Dati al 31 marzo 2018.

  1. Global Economy to Expand by 3.1 percent in 2018, Slower Growth Seen Ahead (www.worldbank.org/en/news/press-release/2018/06/05/global-economy-to-expand-by-3-1-percent-in-2018-slower-growth-seen-ahead)
  2. Electric-Vehicle Frenzy Sweeps Up Once-Unloved Metal: Nickel - Once cast aside by investors, nickel has been one of the year’s best-performing assets (www.wsj.com/articles/electric-vehicle-frenzy-sweeps-up-once-unloved-metal-nickel-1528714800)

VanEck only serves professional clients in countries where the funds are registered for distribution or where funds can be sold in accordance with local private placement rules. VanEck Vectors™ Global Mining UCITS ETF and VanEck Vectors™ Natural Resources UCITS ET are sub-funds of VanEck Vectors® UCITS ETFs plc., organised under the laws of Ireland. Any investment decision must be made on the basis of the prospectus and the key investor information document (“KIID”), which is available at www.vaneck.com and VanEck Investments Limited at its registered office at 25-28 North Wall Quay, Dublin 1, Ireland. S-Network is a trade mark of S-Network and has been licensed for use for certain purposes by VanEck. VanEck Vectors Natural Resources UCITS ETF is not sponsored, endorsed, sold or promoted by S-Network and S-Network makes no representation regarding the advisability in VanEck Vectors Natural Resources UCITS ETF.The EMIX Global Mining Constrained Weights Index is a property of Markit Equities Limited. EMIX is a mark of Markit Equities Limited and has been licensed for use by VanEck.


BinckBank NV presta in Italia il servizio di execution only ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni eventualmente fornite non contengono e non si deve in alcun modo ritenere che contengano raccomandazioni o consigli in ambito d investimenti forniti da BinckBank N.V. Le informazioni fornite non devono essere intese quali raccomandazioni personalizzate a un cliente, riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario in quanto diffuse tra il pubblico mediante canali di distribuzioni di massa. BinckBank non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze ed obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non è stata condotta in base ai requisiti normativi previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una mera comunicazione in ambito di marketing. Le informazioni basate su dati storici passati non costituiscono un indicatore affidabile di eventuali possibili risultati futuri. Si raccomanda di prendere visione dei rischi connessi agli investimenti e dei rischi specifici degli strumenti finanziari di cui alla documentazione informativa messa a disposizione sul sito di BinckBank N.V. Le perdite possono essere superiori al capitale investito.

articoli più letti

Candele giapponesi
Grafico a candele giapponesi: come leggerlo

5 marzo 2018



Film sul trading
Film sul trading: la finanza raccontata al cinema

29 agosto 2018



Non sei ancora Cliente?
800 90 58 45
Sei già Cliente?
02 36016161

BinckBank N.V. - Succursale Italiana - Sede legale 20134 Milano Via G. Ventura, 5 - Cod. ABI 3423.1 - P.Iva 07546180964 - Codice Fiscale 93033680153 n. iscrR.I: Milano 1966215 - Aderente al Sistema di garanzia dei depositi dei Paesi Bassi e al Sistema di Compensazione e Garanzia degli investimenti dei Paesi Bassi - BinckBank N.V. è autorizzata e regolata dalla Banca Centrale Olandese (DNB) e dalla Autorità Olandese di Vigilanza dei Mercati Finanziari (AFM) - BinckBank N.V. è quotata su Euronext Amsterdam. BinckBank N.V. Succursale Italiana è vigilata dalla Banca d’Italia e dalla Consob.