Indipendenza catalogna: l’impatto sulle borse post-referendum



MONDO TRADING

A distanza di più di un mese, l’effetto del referendum in Catalogna si fa ancora sentire, ma senza allarmi rossi

Indipendenza Catalogna

Il referendum per l’indipendenza della Catalogna ha lasciato strascichi più o meno palesi in molti aspetti della vita dell’Unione Europea, soprattutto sotto il profilo politico. Naturalmente anche il mercato azionario e le borse ne sono state coinvolte.

Questo era facilmente prevedibile, così come era facile immaginare che, in una situazione fortemente indefinita, le borse spagnole avrebbero avuto qualche contraccolpo. Che tuttavia, è stato contenuto in una finestra temporale molto limitata.

Le borse spagnole post referendum

La situazione, tuttavia, si è stabilizzata molto in fretta: è vero che il 4 ottobre c’è stato un picco negativo ma ora, sulla lunga distanza, è evidente che ha modificato solo marginalmente l’andamento degli indici di borsa spagnoli. Ecco, per esempio, come si è comportato l’IBEX 35 negli ultimi 6 mesi:

IBEX Indice
Fonte immagine: bolsamadrid.es/ibex-grafico

Qualcosa è cambiato ma nel corso degli ultimi 50 giorni il tono delle notizie si è decisamente ridimensionato, anche in funzione di quello che leggiamo sui giornali di politica internazionale: la gestione della situazione da parte del governo centrale spagnolo sta reggendo, e di conseguenza anche gli indici hanno abbandonato la frenesia che ha contraddistinto i giorni a ridosso del referendum per l’indipendenza catalana e quelli immediatamente successivi. Per esempio, il 27 ottobre The Indipendent titolava ancora Indipendenza della Catalogna: le azioni della borsa spagnola in rapida svendita dopo che il parlamento Catalano ha votato per la secessione.
Tuttavia, a quasi un mese di distanza, anche in questo caso l’andamento non sembra particolarmente sensibile alle dichiarazioni di quel tipo.
Che nella zona ci sia ancora fermento è un fatto. Ma come questo fermento venga vissuto, cambia moltissimo a seconda dei contesti.

Referendum in Catalogna: tutto fermo fino al 21 dicembre?

Le notizie iberiche continuano, di tanto in tanto, a interessare le cronache finanziarie, oltre che quelle politiche. Per esempio, il 6 novembre El Mundo pubblicava, nella sezione “Economia”, un report intitolato: Gli advisor delle multinazionali consigliano di lasciare in Catalogna solo le attività indispensabili.  La redazione del giornale spagnolo, avendo avuto accesso ad alcuni documenti preparati da Rödl & Partner per un’azienda tedesca presente in Catalogna, riporta come il cliente intenda spostare tutte le attività possibili fuori dalla Catalogna, lasciando in questa solo quelle indispensabili. Il piano di uscita, tuttavia, ha esclusivamente motivazioni tecniche, per garantire la tutela degli interessi di clienti, dipendenti e azionisti. Una manovra cautelativa insomma, in attesa del 21 dicembre, anche se, sempre secondo El Mundo, l’applicazione dell’Articolo 155 della Costituzione spagnola da parte del governo centrale ha portato serenità nell’area, con continue richieste da parte dei clienti per piani di uscita e di emergenza.

Indipendenza Catalogna: si decide il 21 dicembre

Proprio l’applicazione dell’articolo 155, con cui il premier Mariano Rajoy ha destituito il Governo catalano, ha portato alle elezioni anticipate nella regione. Il 21 dicembre 2017 i catalani saranno chiamati al voto per scegliere un nuovo governo regionale.
Il voto è considerato importante perché gli indipendentisti Carles Puigdemont e e Oriol Junqueras, ex presidente ed ex vicepresidente della regione si presenteranno come capilista per gli indipendentisti, anche se al momento il primo si trova a Bruxelles e il secondo in prigione.
Insomma, per ora tutto stabile, o quasi. Anche se le borse spagnole sembrano dimostrare una certa resilienza alle voci di corridoio.
Ricordiamo che la Catalogna non è nuova alle correnti indipendenstiste ma, questa volta, la leva utilizzata da Puigdemont per convincere la maggioranza della popolazione è stata anche economica e finanziaria. La regione infatti ha una rilevanza economica notevole: a fronte del 6,3% del territorio occupato, ospita il 16% della popolazione e produce il 20% del PIL spagnolo. Il reddito medio di 28.590 euro pro capite è uno dei più alti della Spagna, produce quasi il 25% dell’export e ha un tasso di disoccupazione medio del 13.2% contro il 17.2% di media nazionale. Inoltre, e questo è stato il dato maggiormente utilizzato dagli indipendentisti, le tasse provenienti dalla Catalogna costituiscono il 21% dell’introito statale, mentre la regione riceve solo il 10% degli investimenti nazionali.
Secondo The International Banker tuttavia, lo scenario più credibile degli ultimi giorni sarà quello in cui Spagna e Catalogna negozieranno un accordo in cui la regione avrà una maggiore autonomia finanziaria, ma senza gli estremi voluti dagli indipendentisti.


Il contenuto degli articoli, le opinioni espresse, i dati, le conclusioni e quant'altro non riflettono e non si deve in alcun modo ritenere che riflettano la posizione di BinckBank N.V. sull'argomento in quanto riflettono unicamente il punto di vista personale dell’autore. L'Autore non ha alcun rapporto di lavoro con BinckBank N.V. e pertanto è da ritenersi unico responsabile per il contenuto del seguente documento e delle relative opinioni espresse. Il Contenuto del presente documento è redatto a fini informativo/didattici e le informazioni in esso contenute non contengono e non si deve in alcun modo ritenere che contengano raccomandazioni o consigli in ambito d’ investimento forniti da BinckBank N.V. Le informazioni fornite non devono essere intese quali raccomandazioni personalizzate a un cliente, riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario in quanto diffuse tra il pubblico mediante canali di distribuzioni di massa. BinckBank N.V. non presta in Italia servizi di consulenza e gestione portafogli. BinckBank N.V. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all'impiego di tali informazioni. Qualora il contenuto della presente comunicazione faccia riferimento a trattamenti di natura fiscale, si rammenta che l’eventuale trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale e può variare tempo per tempo a seguito di eventuali modifiche normative.

Si raccomanda di prendere visione dei rischi connessi agli investimenti e dei rischi specifici degli strumenti finanziari di cui alla documentazione informativa messa a disposizione sul sito di BinckBank N.V. Le perdite possono essere superiori al capitale investito.

articoli più letti

Micro e-mini future BinckBank Italia
BINCK PORTA IN ITALIA I MICRO E-MINI FUTURE USA SUL MERCATO CME

14 maggio 2019



Film sul trading
FILM SUL TRADING: LA FINANZA RACCONTATA AL CINEMA

29 agosto 2018



Non sei ancora Cliente?
800 90 58 45
Sei già Cliente?
02 36016161

BinckBank N.V. - Succursale Italiana - Sede legale 20134 Milano Via G. Ventura, 5 - Cod. ABI 3423.1 - P.Iva 07546180964 - Codice Fiscale 93033680153 n. iscrR.I: Milano 1966215 - BinckBank è una Banca Olandese, parte del Gruppo Danese Saxo Bank - Aderente al Sistema di garanzia dei depositi dei Paesi Bassi e al Sistema di Compensazione e Garanzia degli investimenti dei Paesi Bassi - BinckBank N.V. è autorizzata e regolata dalla Banca Centrale Olandese (DNB) e dalla Autorità Olandese di Vigilanza dei Mercati Finanziari (AFM) - BinckBank N.V. Succursale Italiana è vigilata dalla Banca d’Italia e dalla Consob.